INAUGURAZIONE DELLA BIBLIOTECA A DON ZANNIER

Importante cerimonia a Majano sabato 12 gennaio per onorare don Domenico Zannier. L’Amministrazione comunale ha infatti organizzato un evento significativo per ricordare l’uomo, il poeta, lo scrittore. Alle 10.30 si èè tenuta l’inaugurazione della nuova sala a lui intitolata nella biblioteca civica, mentre un’ora più tardi l’intera struttura è stata intitolata a don Zannier con lo scoprimento di una targa commemorativa.

Dopo la benedizione della sala da parte del Parroco di Majano, don Emmanuel Runditze e i saluti delle autorità, la parte iniziale del programma ha visto un ricordo della figura e dell’opera di Zannier da parte di Roberto Iacovissi, poeta e scrittore, di Maurizio Piemonte per il Circolo culturale Laurenziano e di Roberto Ongaro, poeta e scrittore. Erano presenti il Sindaco di Majano Raffaella Paladin, la Giunta Comunale e i consiglieri comunali di Majno, oltre al Consigliere Regionale Mariagrazia Santoro e all’Europarlamentare Isabella De Monte, oltre ai ragazzi della Scuola secondaria di primo grado di Majano. Ma presenti erano anche molti cittadini majanesi, che hanno conosciuto Pre Meni e che hanno voluto rendere omaggio.

L’evento è stato fortemente voluto dall’amministrazione comunale che, subito dopo la scomparsa del suo illustre concittadino, aveva annunciato di voler ricordare in maniera concreta don Zannier. Nato a Pontebba nel 1930, Pre Meni era stato ordinato sacerdote nel 1956 e successivamente fu cappellano a Pradamano, a Pocenia e a Castions di Strada, fino al 1960, per poi diventare parroco di Lusevera, dove rimase fino al 1972. Successivamente insegnante di scuola media rientrò a Majano, nella frazione di Casasola. Grande uomo di cultura, nel 1986, era stato candidato al Nobel per la Letteratura dall’Università di Salisburgo e dall’Università di Innsbruck. Zannier è stato un rappresentante di grande rilievo della cultura friulana e a lui si deve la fondazione, nel 1952 della Scuele libare furlane, istituzione che ha diffuso l’insegnamento della lingua e della cultura friulana.

Cliccando qui, potete vedere alcune foto della cerimonia